La trans-politica e l’avvento della videocrazia

La trans-politica e l’avvento della videocrazia

‘Onorevole Bindi, lei è più bella che intelligente’

(Silvio Berlusconi)

Qualcuno si sta chiedendo perché alcuni degli ultimi scandali politici hanno avuto come sfondo una vicenda sessuale? Perché mai i sex-gates, le escort e i transessuali abbiano finito per influenzare la sorte dei nostri governi? Perché il sesso è la cosa più privata che esista, uno degli aspetti della persona che il senso del pudore e il sentimento della vergogna ben si preoccupano di mettere al riparo da ogni indebita intrusione e da ogni esposizione pubblica. Non a caso la vita sessuale – e più largamente quella familiare – dovrebbe costituire il terreno maggiormente coperto dall’ombrello protettivo della privacy, pur non rinunciando ad essere un elemento costitutivo della nostra identità e della nostra immagine sociale. Mai come oggi, tuttavia, il sesso è entrato nei palazzi di potere, in una torbida con-fusione di quei confini tra sfera pubblica e sfera privata che la filosofia dell’ottocento si era affrettata a costruire con l’avvento degli stati liberali. Sotto questo punto di vista la vicenda di Marrazzo, che ha per protagonisti quattro ricattatori ed un transessuale, è quanto mai paradigmatica e restituisce tutto il senso del degrado nel quale sta versando la nostra società. La mescolanza artificiale dei codici sessuali, che il transgender riproduce in sé, si presta a rappresentare un diverso grado della politica, una trans-politica, cioè una nuova dimensione del potere nella quale interessi pubblici e privati vengono a comporsi in un’ibrida identità.

Non a caso l’unico elemento coagulante intorno al quale sembrano costruirsi le alleanze degli ultimi quindici anni è quasi sempre l’elemento personalistico. In una politica personalizzata e deologizzata la  sovrapponibilità di pubblico e privato si presenta  come un passaggio naturale.  Laddove il potere si personalizza, la vita privata dei politici si pubblicizza.  Guardandoci indietro, ci accorgiamo che la personalizzazione è un fenomeno piuttosto recente, che affonda le sue radici nella crisi della seconda Repubblica, trovando la sua manifestazione apicale nel berlusconismo degli anni ’90. Infatti possiamo tranquillamente ammettere che il berlusconismo è stata in Italia la prima manifestazione socio-politica,  dopo il fascismo, ad essere plasmata esclusivamente sull’ immagine di un leader.  Il rapporto con l’elettorato viene costruito in via diretta senza la mediazione del partito. Tutto  ciò che afferisce alla propria persona (donne, successo, soldi ecc) può diventare strumento di consenso o di dissenso elettorale.

Eppure la personalizzazione dei sistemi di potere non è un innocuo fenomeno mediatico da confinarsi ell’estetica del potere.  Esso comporta due effetti collaterali di capitale importanza per ogni regime democratico: da un lato, l’impoverimento del dibattito politico, giacché lo scontro tra maggioranza ed opposizione non si misura più sul terreno delle riforme sociali ma sulle vicende private degli avversari; dall’altro lato, una inevitabile crisi rappresentativa. Infatti, se la politica si piega sempre più agli affari privati, gli interessi individuali e collettivi di milioni di elettori perdono di consistenza alimentando il rischio di derive autoritarie. In una democrazia del genere, che per comodità definiremo ‘personalistica’,  la moralità pubblica o l’etica sociale non ispirano più il comportamento dei governanti ma sono gli interessi privati a condizionare la deontologia istituzionale. Cioè i valori pubblici, che dovrebbero essere prioritari, soccombono a quelli privati, vi si confondono, e quelli privati di alcuni gruppi o di alcune persone si accreditano presso la sfera pubblica fino ad orientare il comportamento delle istituzioni. La conseguenza più evidente di questo processo è che i governi stessi e le amministrazioni finiscono per somigliare ad estensioni di piccole cerchie domestiche, entro cui l’assegnazione delle poltrone e degli incarichi ministeriali si determina sulla base di amicizie, favori sessuali e rapporti privati di lavoro.

Ma dov’è che si realizza la commistione tra pubblico e privato, dov’è che il potere può personalizzarsi?  il luogo privilegiato in cui si consuma questa ibridazione tra le due sfere è sicuramente lo schermo televisivo che amplifica l’immagine personale e la vita privata dei leaders fino a conferirgli dignità e valore pubblici.  Il mondo della politica finisce per somigliare ad un immenso spettacolo in cui il potere promana dall’immagine e tutto ciò che è immagine può diventare strumento di costruzione o decostruzione del potere stesso.  A fondare la credibilità degli uomini politici non sono più le loro idee ed il loro senso dello stato ma gli aspetti mediatici della loro persona che balzano immediatamente agli occhi dei telespettatori ( tic, abitudini, orientamenti sessuali ecc).  In uno scenario del genere l’avvento di un regime videocratico, come già profetizzato altrove, appare ormai prossimo.  Se non già avvenuto. In una società videocratica l’uso della propria immagine e del proprio corpo può diventare un’arma nelle mani del potere.  Un’arma sempre più pericolosa ed antidemocratica che sancisce la definitiva commistione tra pubblico e privato.

2 commenti

  1. Gli internauti · · Rispondi

    Mi chiedo cosa sia successo al sito, lo seguivamo con interesse, ora è un po’ di tempo che langue.
    Cosa è successo ai suoi autori?
    Gli internauti aspettano risposte.

  2. http://www.youtube.com/watch?v=VpAiE0qSEC0 un piccolo assaggio di ciò che si può fare con l’avvento del cinema nel mondo delle creazioni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: