A chiunque

di Francesca Aprea

Che hai dentro un conato di perdute
origini, mondi senza finitudine
e le piaghe che dolgono
il corpo sarebbero soppiantate
dalla striscia che lenisce la coscienza.
ti incurvi
come a non avere ossa
_________________carne
di antichi macelli
e sei il contemporaneo dello spettro
dell’uomo-scimmia
sei il remoto del presente te stesso
il postumo di chi non è venuto__ ancora

Porti la piega arcigna
della colpa irrisolta
che stimi irrisoria
e mediti provvisoria
eppure non sconti, non risani___ (chè non è affar tuo)

e al ciglio della comune morte
saresti l’individuo che sospira
solo
per la propria.
__________Come in vita affanni
__________per miserabili propositi.

il mio un invito
e un rimpianto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: