Insonni

di Francesca Aprea

È il risveglio dalla notte insonne
il singhiozzo abiurato
come parola proibita
notte a fare del soffitto
un còmputo di pecorelle
smarrite
e smarrita è pure la via
che il bivio impone la scelta
a chi non sa decidere.
vieni a visitare il maggio
che ha perso l’odore di foglia
vieni a raccontare una buona novella
che trattiene il fiato
come a gonfiare le gote per noia
il vento impazza e avvilisce
e dell’onda una curva di spuma
smarrita nell’aria perchè menata in
direzione avversa
e una forma che sa del fianco di donna
che tu contempli
e sagomi il tratto scolpito nel ventre
colmato di cupidigia primiera
e disegni coll’indice eretto
così hai colorato la neve che al mattino è
sciolta.

O pensiero sei abbandonato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: