La profezia

di Francesca Aprea

 

Passo i cunicoli
avanti
l’antro par restringersi da me
che m’avvicino
incontro
al destino
e a chi me lo svelò
colei
che l’ade e la stirpe feconda
profetizzò ad Enea
su foglie
affidate alle guance
tronfie di Eolo
La Sibilla
ebbi dinanzi a questi occhi
spenti
i suoi odevano i miei palpiti
curiosi e diffidenti

ti ho incontrato
di notte in un sogno
che sa di mito
e che di aura fioca
è avvolto

Tu sai
che mai credetti
nelle profezie
Tu sai
la natura ostile dell’animo mio
eppure mi annunciasti
di stagioni floride
di silenzi ascoltati
Cupido mi avrebbe
tratto in inganno:
Di baci ricoperta
sospesa
come l’amo di una canna
da pesca
in mare aperto
sospesa
nell’abbandono
di un abbraccio
Ora credo

2 commenti

  1. Raffaele Brio · · Rispondi

    Davvero una bella poesia, cara Francesca. È chiara e comprensibile. Bello sentir il tuo sfogo coinvolgente.

  2. Valerio · · Rispondi

    E brava francesca complimenti che talento!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: