Impronta

di Francesca Aprea

Un ticchettio di lancette
lieve
scorre il tempo
in una notte
che mi par diversa
scalcinata dai ricordi
senza tempo
illumina una luce artificiosa
il mio corpo di carne
non riscalda un cuore raggelato
un’ombra mi segue
aguzza una vista offuscata
la memoria
mi conduce a poche ore fa
a quando passeggiavo
su una sabbia bagnata
lasciando l’impronta
di una suola consunta
sigillo
di Uomo
sulla terra
e il rumore di un’onda
ad occhi chiusi
simulava i lenti, cauti
pneumi di un’anima amara
prigioniera di membra scialbe
che è vita nella natura
ma che ancora non sa vivere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: